Ricette liguri

La torta pasqualina ligure: ricetta e varianti

La torta pasqualina è un piatto immancabile nella tavola di Pasqua di ogni famiglia ligure insieme ad agnello e carciofi. Questa torta salata molto gustosa e salutare è infatti, come suggerisce il nome, tipica delle festività pasquali della zona del genovese e dello spezzino. Ha origini molto antiche: alcune testimonianze letterali la riconducono al XVI secolo. Quel che è certo è che ancora oggi è molto amata, anche al di fuori dei confini liguri.

Vediamo insieme come prepararla e quali sono le sue caratteristiche principali.

Torta pasqualina: gli ingredienti

Per preparare la torta pasqualina, il delizioso piatto della tradizione ligure, occorrono innanzitutto questi ingredienti (le dosi sono per una tortiera da circa 30 cm di diametro):

  • 600 grammi di farina 00
  • 1,5 kg di bietole
  • 500 grammi di ricotta
  • 8 uova
  • 1/2 cipolla
  • Parmigiano
  • 35 ml di olio (impasto) + 25 ml (ripieno)
  • Maggiorana
  • Noce moscata
  • Sale
  • 350 ml di acqua

Come preparare la Torta Pasqualina

Il segreto di un ottima torta pasqualina sta nella stesura della sfoglia: più precisamente, occorrerà stendere 6 strati di pasta sfoglia sottilissimi. Al contrario di quanto si possa pensare, per realizzarli non occorrono incredibili abilità culinarie, ma basterà fare attenzione affinché non si rompano.

La sfoglia

Iniziamo quindi mettendo in una ciotola molto capiente l’acqua, il sale e l’olio e mescoliamo, in modo che il sale si sciolga. A questo punto versiamo poco a poco la farina, fino a raggiungere la consistenza desiderata. Lasciamo quindi riposare l’impasto ottenuto per circa 30 minuti.

Il ripieno

Passiamo nel frattempo a preparare il ripieno della torta. Prendiamo le bietole e le sbollentiamo per qualche minuto in acqua salata, in modo che le sue foglie appassiscano. Una volta pronte vanno scolate, lasciate freddare qualche altro minuto e poi strizzate per bene, per assicurarci che non perdano acqua durante la cottura. Le taglieremo poi grossolanamente con un coltello e le faremo appassire in una padella con un po’ d’olio e mezza cipolla, dopodiché le lasceremo raffreddare nuovamente. Nel frattempo mettiamo la ricotta in una ciotolina a parte e la mescoliamo per formare una crema, che andremo poi ad aggiungere alle bietole ripassate. Aggiungiamo al composto un uovo, un po’ di parmigiano grattugiato e qualche fogliolina di maggiorana e noce moscata.

La stesura

Riprendiamo a questo punto l’impasto lavorato in precedenza e lo dividiamo in sei panetti di uguali dimensioni. Iniziamo a stenderli uno per uno, fino a che non diventeranno delle sfoglie molto sottili.

Scegliamo adesso una teglia abbastanza capiente e dai bordi piuttosto alti. Sovrapponiamo tre delle sfoglie sulla base e ricopriamo con il composto di bietole e ricotta. Con un cucchiaio creeremo sette fossette lungo la circonferenza della teglia e una al centro, in ognuna delle quali andremo a inserire delicatamente un uovo intero. Copriamo il tutto con le tre sfoglie rimaste e infine tagliamo l’impasto in eccesso che fuoriesce dai bordi della teglia, creando un piccolo cordolo per chiuderla.

La nostra torta pasqualina è pronta per essere infornata: occorreranno 45/50′ a 180 °C in forno statico.

Varianti della torta pasqualina

Come molti piatti tipici, esistono diverse varianti della torta pasqualina, a seconda della zona specifica in cui viene preparata e ai gusti di chi la cucina. Alcuni, ad esempio, preferiscono usare gli spinaci al posto delle bietole. Altri ancora non bollono la verdura, ma la spezzettano da cruda per poi ripassarla direttamente in padella. Il rischio in quest’ultimo caso è che rilasci poi acqua durante la cottura in forno, rendendo il risultato finale poco compatto. In ultimo, c’è chi divide il ripieno in due strati diversi: uno inferiore composto da bietole e parmigiano, e un altro superiore realizzato con ricotta e uova. La versione illustrata nel paragrafo precedente, che ha invece tutti gli ingredienti ben amalgamati, è quella che a noi piace di più in assoluto.

Torta pasqualina a strati

Proprietà e valori nutrizionali

Come molte altre ricette liguri, come la torta di riso e la farinata di ceci, la torta pasqualina è un piatto che può essere consumato anche da chi segue una dieta vegetariana. La presenza di ricotta e uova, invece, non la rendono adatta a un regime di tipo vegano. Questi due ingredienti rendono altresì questo alimento altamente proteico, mentre la presenza delle bietole assicura un buon quantitativo di vitamine e fibre. Tutti questi ingredienti infine, insieme a farina e olio extra vergine di oliva, rendono questo piatto un perfetto esempio di tipica dieta mediterranea. Secondo le linee guida per una sana alimentazione del Ministero della Salute, infatti, una dieta corretta e salutare dovrebbe essere completa, cioè ricca di alimenti appartenenti ai tre macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) e soprattutto varia. In quest’ottica, la torta pasqualina risponde perfettamente a questo glorioso modello alimentare considerato il migliore del mondo.

Ecco i valori nutrizionali indicativi, per porzione, di questa pietanza:

ENERGIA538 cal
GRASSI21,05 g
di cui SATURI8,7 g
CARBOIDRATI66,5 g
PROTEINE21,8 g
FIBRA4,7 g
Valori di riferimento per una fetta (1/8) di torta pasqualina

Summary
recipe image
Recipe Name
Torta pasqualina
Author Name
Published On
Preparation Time
Cook Time
Total Time

Potrebbe piacerti...